HI-FIGUIDE | Guida italiana all'alta fedeltà esoterica ed hi-end internazionale | Rivista di approfondimento sui temi audio
Home Site Map Progetto Chi siamo E-Mail Tutto HFG!

EDITORIALI | 2017

Cerca

EDITORIALI | 2017

EDITORIALI
_______________________

2017
_____________

Mamma! Ho Inventato un Mostro!
La Teoria della "Anticipazione di Energia"

1 | 2 | 3 | 4


_____________

Data pubblicazione:
Siracusa, 16/03/2017

EDITORIALE N. 2/2017

MAMMA! HO INVENTATO UN MOSTRO!

1 | 2 | 3 | 4

LA TEORIA DELLA "ANTICIPAZIONE DI ENERGIA"
Il "trasporto" ad elevatissima efficienza e velocità dell'energia elettrica, in alta tensione e bassa potenza
di Francesco Piccione

ANTEPRIMA MONDIALE ASSOLUTA!


1. Premessa

L'argomento di oggi riguarda una serie di scoperte sorprendenti che hanno dell'incredibile e del rivoluzionario.
Chiaramente non dovrei essere io a darne notizia, ma non vedo altre alternative, soprattutto in un paese, l'Italia, dove l'imprenditoria del settore spesso prospera si, ma non per ingegno, brevetti e tecnologie innovative.

Vi narrerò la storia di un percorso di esperimenti, svoltosi dagli anni Ottanta ad oggi, che hanno portato al brevetto di invenzione industriale n.
1.415.894/2015.

Tengo a sottolineare, come già fatto in altre occasioni, che il mio interesse non è quello di "elogiarmi da solo", ma di far conoscere ai lettori, l'eccezionalità di questa vicenda.
Inoltre, sottolineo, che tutto ciò è avvenuto senza l'utilizzo di denaro pubblico di qualsiasi provenienza, ma con soldi miei e della mia famiglia.


2. Ambito dell'argomento

L'argomento oggetto di questo editoriale, non appartiene né all'"Elettrotecnica" né  all'"Ingegneria".
Entrambe queste discipline hanno lo scopo di realizzare in prodotto, il risultato della ricerca; per cui non sono assolutamente idonee a spiegare i fenomeni fisici che saranno più avanti descritti.

La disciplina a cui certamente appartiene questo argomento è la "Fisica".
Questa può essere divisa in due branche: quella "Teorica" e quella "Sperimentale" o "Pratica".
Entrambe le branche sono legate tra loro: la fisica sperimentale, mette in … pratica, ciò che afferma la "teorica"; oppure pratica esperimenti i cui risultati devono successivamente essere spiegati dal punto di vista della "teoria". 

Questo argomento fa parte, quindi, della Fisica "Pratica": sperimentando dei modelli pratici, si è giunti a delle scoperte di cui la Fisica Teorica cercherà di spiegare la natura dei fenomeni fisici coinvolti.


3. Il fenomeno da analizzare

Questa rivoluzionaria scoperta riguarda:

"il comportamento che l'"energia elettrica" tiene all'interno dei "conduttori solidi"".


Effettuare in questo caso delle corrette sperimentazioni non solo non è semplice, ma persino richiede anni di studi ed esperienze.
Il problema da risolvere sta nel cercare di effettuare delle analisi, su qualcosa (
l'energia elettrica) che non può essere:

  1. né osservata attraverso il controllo visivo di ciò che sta succedendo;
  2. né rilevata, con una adeguata strumentazione tecnica.

Occorre, quindi, un nuovo e particolare "metodo di analisi".


4. Un esempio visibile: i fulmini

La migliore occasione di analisi dell'energia elettrica, oltre a qualche noto esempio di

laboratorio, ce la offre la vista dei fulmini che compaiono nel cielo durante i temporali. Si nota in questi, che il loro andamento non è mai perfettamente lineare, ma a zig-zag.
La domanda che mi sono posta è: "L'energia elettrica ha questo comportamento non lineare anche all'interno dei conduttori solidi?".

Non esistono, però, possibilità di studiare e comprendere il suo comportamento, sia all'interno dei cavi elettrici, sia dentro le apparecchiature elettroniche, perché non esiste la possibilità di verificare con i nostri occhi ciò che sta succedendo.


5. Un metodo atipico di ricerca

Anche le rilevazioni strumentali nulla ci dicono sul comportamento dell'energia elettrica all'interno dei conduttori solidi. Per cui, anni fa, pensai che l'unico modo possibile per studiare e comprendere questo fenomeno, fosse quello di:

""ascoltare le sue variazioni sonore", in particolare le variazioni di "qualità del suono"".


Le "Analisi dei Suoni", più o meno udibili, per studiare un fenomeno fisico, non è un'idea nuova nel campo della ricerca scientifica.
Ad esempio, negli anni sessanta l'effettiva esistenza del "Big Bang", si è conosciuta mediante la scoperta della percezione della "radiazione di fondo", ossia del rumore o suono generato dall'espansione dell'universo (
in sanscrito, il suono: "Om").
Questa eccezionale scoperta è stata premiata con un Nobel per la fisica.

Più recentemente un fisico americano, tramite una "funzione matematica" di sua ideazione, è stato in grado di calcolare il diametro di stelle lontanissime, attraverso il loro caratteristico "suono" (
onde radio). Ciò ha consentito il calcolo del loro diametro nella totale assenza di strumentazione tecnica, ancora lontana dal poter essere realizzata, per mancanza di adeguata tecnologia.


6. Il dispositivo di "misurazione"

Nella totale assenza di dispositivi idonei con cui effettuare correttamente e concretamente l'analisi del comportamento dell'energia elettrica all'interno dei conduttori solidi, occorre realizzarne uno su misura.
Questo dispositivo, però, deve essere fuori dal comune, ossia in grado di metterne in evidenza le più microscopiche variazioni sonore, ed al contempo esaltandole, in modo da facilitarne la loro percezione e comprensione.

Le caratteristiche richieste sono principalmente:

  • la più ampia estensione della risposta in frequenza, fin oltre i limiti della nostra capacità di percezione uditiva;
  • l'assenza o più bassa possibile distorsione;
  • l'elevatissima capacità di trasformare l'energia elettrica in suoni (efficienza e risoluzione);
  • la più elevata velocità di trasformazione dell'energia elettrica in suoni;
  • l'assoluta neutralità timbrica;
  • etcetera.

Questo dispositivo, ha richiesto ben 12 anni di studi e progettazioni, ed è noto essere i diffusori acustici di mia progettazione: il "
Reference System", un gigantesco microscopio da 500 Kg sui suoni generati dall'energia elettrica.

Continua a pagina 2


All Rights Reserved ® Copyright © | Francesco Piccione | 1998/2017