HI-FIGUIDE | Guida italiana all'alta fedeltà esoterica ed hi-end internazionale | Rivista di approfondimento sui temi audio
E-Copmmerce | Acquista | E-Shopping Home Web Edition | Indice On-Line Progetto Servizi Chi siamo Registrazione Newsletter | No Spam! Invia posta Tutto HFG!

EVENTI AUDIO | REPORTAGE

Cerca

EVENTI AUDIO

REPORTAGE | Visita al Laboratorio Kiom  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6   

mio giudizio semplicemente... non li presento.

DM
I tuoi apparecchi sono fatti l'uno per l'altro o possono essere inseriti in qualsiasi catena, o ci sono limitazioni?

LC
Entrambe le risposte sono valide. Mi spiego.
I miei apparecchi possono essere inseriti in qualsiasi catena con caratteristiche compatibili, ovvero ad esempio gli amplificatori (di potenza ridotta) possono essere benissimo impiegati con diffusori diversi dai miei, purché dotati di efficienza ragionevole: non occorre che sia altissima ma è meglio non scendere sotto i 92-93 dB.
Del pari i diffusori possono essere impiegati con qualsiasi ampli, basta fare attenzione al fatto che siano apparecchi abbastanza validi, altrimenti i diffusori rischiano di metterne in luce i difetti in modi spietato ed l risultato globale non sarà esaltante. In sostanza: nessuna limitazione ad accoppiamenti "liberi", con l'avvertenza di usare un po' di buon senso.
D'altra parte è chiaro che i risultati migliori si ottengano con catene Kiom complete, questo semplicemente per una questione di coerenza d'impostazione sonora che c'è alla base. Pezzi che nascono per offrire un risultato sonoro accuratamente ricercato trovano la collocazione migliore all'interno di un sistema coerente, nel quale possono esprimersi al meglio agendo non solo in perfetta sintonia ma anche in modo sinergico, portando il sistema nel complesso ad un equilibrio e ad un risultato globale che per altre vie è ben più difficile da raggiungere.

DM
Puoi fare l'identikit del cliente tipico della Kiom?

LC
Difficile, sono piuttosto diversi: ci sono persone di ogni tipo, provenienza, professione. C'è però un punto che li accomuna tutti: una sconfinata passione per la musica. I clienti Kiom non sono appassionati di apparecchi, di giocattoli elettronici che cambiano ogni 6 mesi per continuare a giocare (molti di loro per fortuna oggi giocano con l'audio-video). Si tratta di persone che all'impianto chiedono fondamentalmente una cosa: farsi dimenticare, ovvero non far avvertire la propria presenza


(Continua a pagina 5)

Il "piccolo" KIOM XS.

(Continua da pagina 3)

immediatamente a riconoscere il suono di uno strumento da quello di una riproduzione. Vuol dire che comunque nei suoni dal vivo ci sono delle caratteristiche comuni, indipendenti dalle condizioni contingenti, che permettono di distinguerli.
Ecco, il mio obiettivo è quello di rendere meno facile questa immediata percezione che ci si trovi di fronte ad una riproduzione, arrivando il più vicino possibile alla musica dal vivo. Questo è il suono che cerco. Lascio a chi ha voglia di giocare ogni altra distinzione come bassi, medi, alti, timbro, dinamica, immagine o, molto peggio, dettaglio, definizione, iperdefinizione, analiticità e via discorrendo. A me basta ragionare e concentrarmi sulla musica e sulla sua naturalezza. Questa è l'impostazione che cerco di dare ai miei apparecchi e se non ci riesco, cioè se non raggiungono un livello soddisfacente per il

 

All Rights Reserved ® Copyright © | Francesco Piccione | 1998/2018