HI-FIGUIDE | Guida italiana all'alta fedeltà esoterica ed hi-end internazionale | Rivista di approfondimento sui temi audio
E-Copmmerce | Acquista | E-Shopping Home Web Edition | Indice On-Line Progetto Servizi Chi siamo Registrazione Newsletter | No Spam! Invia posta Tutto HFG!

EVENTI AUDIO | MEETING AUDIOKIT

Cerca

EVENTI AUDIO

MEETING AUDIOKIT | FABIO CAMORANI  1 | 2 | 3 | 4 | 5 

(Continua da pagina 1)

commercializzerà in Italia i prodotti LC Audio e darà la possibilità di acquistare dischi in vinile di altissima qualità, ma di difficile reperibilità.

Molti dei prodotti sono per il momento solo annunciati, in vista di presentarli in via definitiva.
Tuttavia compaiono già interessanti apparecchi. Come sorgente, ad esempio, un giradischi analogico su telaio rigido con il piatto posto su un cuscino d'aria, fermato solo da un perno al centro, per ottimizzare l'attrito e diminuire le interferenze da parte di vibrazioni indesiderate.
Tra le elettroniche (tutte a valvole per il momento, in attesa di un annunciato ibrido), tutti i pre avranno il trasformatore in uscita e non utilizzeranno controreazione. I finali non controreazionati, saranno tutti push-pull con sfasatore a trasformatore. Da far notare che tutti i trasformatori presenti negli apparecchi sono i Tamura. In più saranno presenti in catalogo un DAC e dei trasformatori di accoppiamento tra lettore CD e Pre. Ogni elettronica sarà presentata nelle versioni che vanno dal livello 1 al 7, con qualità sempre crescente.

Come ben si nota i principi che hanno portato alla scelta di certi canoni progettuali sono ben definiti e da quanto esposto, sono stati presi in considerazione dopo lunghi anni di studi e prove al riguardo. Vediamo da quanto esposto dal progettista come è arrivato a queste conclusioni.

Nella prima parte della descrizione mi asterrò da ogni commento personale, per esprimere in maniera concisa quello che è stato detto.
L'argomento principale della giornata è stato
l'ascolto: come ascoltare, cosa ascoltare e perché si ascolta? Non è stata certo un'esposizione del decalogo del perfetto audiofilo-ascoltone! No, tutt'altro! Anzi, l'audiofilo è forse il peggior ascoltatore ed una rapida conferma è stata data proprio dai partecipanti.

Quante volte vi capita di andare ad un concerto? Avete mai sentito uno strumento suonare dal vivo? Molti hanno risposto che sono anni che non ascoltano nulla dal vivo… quello che più avevano ascoltato erano concerti tutti amplificati… dunque nulla di strettamente strumentale, non amplificato.

Quando un audiofilo ascolta un impianto per valutarne la fedeltà, tende a concentrarsi su parametri quali il dettaglio, l'immagine tridimensionale, ecc., tutte cose da non trascurare ma che prese da sole, non indicano nulla! Ascoltare dal vivo e riprodurre, sono due cose nettamente distinte, e non si può pensare di ottenere una riproduzione uguale all'originale! E' una cosa impossibile.
La musica va ascoltata! La musica, non l'impianto….

Questo è quello che ha affermato il Camorani e che il nostro direttore afferma da anni prima di lui!
Moltissima gente si sofferma a valutare un impianto, ad ascoltare come suonano casse e amplificatori, senza preoccuparsi dell'emozione che lo stesso impianto restituisce. Un sistema di riproduzione deve, dal suo punto di vista, restituire un'emozione tanto più simile a quella che può dare un evento dal vivo. Solo in questo modo un impianto potrà sempre essere ascoltato, senza mai stancarsi e dare enorme soddisfazione.

Per Camorani esistono solo
due tipi di impianti: suona o non suona.
Se suona si avverte subito, non c'è bisogno di andare ad ascoltare ogni minima sfumatura, quelle possono considerarsi cose accessorie; se non suona, non ci sarà nulla da fare per migliorarlo, la sua concezione risulta evidentemente sbagliata. C'è gente che si fissa con platorelli vari, punte coniche di tutti i colori,


(Continua a pagina 3)


All Rights Reserved ® Copyright © | Francesco Piccione | 1998/2018